6.2 C
Siena
mercoledì, Aprile 24, 2024

I dissidenti chiedono la revoca del commissario del Pd

Il commissario dell’Unione comunale del Pd Sarracino non è riuscito a portare la pace sperata all’interno del partito. Dopo alcune settimane a Siena, deve accusare il colpo di un gruppo di dissidenti che con un comunicato stampa chiedono venga rimosso. I firmatari non riconoscono in lui la figura guida per traghettare il Pd verso una rinascita.

“La nostra posizione è chiara da mesi – spiega nell’intervista a Sienapost.it Simone Vigni, uno dei dissidenti interni al Pd -, l’arrivo del commissario è una forzatura e una violazione dei regolamenti del partito. E’ una forzatura derivante da una mancanza di assunzione di responsabilità e di un’analisi critica di una componente di maggioranza relativa che negli ultimi anni ha guidato il partito. Hanno preferito invece di eleggere un segretario comunale, farsi scegliere un capocorrente dal partito fiorentino, per tutelare gli interessi di una componente e punire tutto il resto. Non è il metodo giusto per il ricostruire il futuro del partito democratico in città”.

- Advertisement -

—————————–

Il comunicato stampa

La città avrebbe bisogno, ora più che mai, di progettualità, respiro nazionale ed internazionale per attrarre competenze e risorse ma la mancanza di una visione generale e la sterilità amministrativa tengono inchiodate la giunta e la maggioranza della sindaca Nicoletta Fabio alla mera continuità con la fallimentare esperienza di quella precedente, nel segno sempre più marcato di Fratelli d’Italia. L’unico atto che si ricordi è la scellerata riapertura dei cassonetti, e così la richiesta di una alternativa credibile e democratica comincia già a farsi sentire. Le minoranze, e soprattutto il Pd, sono chiamate a esercitare una opposizione intransigente senza alcuna indulgenza.

Un tale contesto rende ancora più gravi e lesive dell’interesse generale le scelte che, attraverso un commissariamento illegittimo, perché frutto del mancato rispetto dell’iter procedurale previsto dagli statuti, hanno ridotto l’Unione Comunale di Siena a filiale di una corrente privandolo di autonomia e dignità e spingendola verso una deriva massimalista. Un giudizio avvalorato da come si sta muovendo il deputato della Campania calato su Siena per guidare la vecchia componente che ha gestito il Pd negli ultimi dieci anni,  collezionando due rovinose sconfitte elettorali. Un commissariamento finalizzato, infatti, a “sistemare” gli assetti della propria componente in funzione delle prossime scadenze elettorali. Facciamo appello a tutti coloro che credono nella democrazia, nel pluralismo e nei caratteri fondativi del Pd – aperto alle esperienze del cattolicesimo democratico ed alle esperienze riformiste – affinché ci si batta per un Pd rinnovato, autonomo e capace di costruire un nuovo centrosinistra per battere la destra e rilanciare la città verso il futuro.

Servono pazienza, capacità di ascolto, umiltà e verità per riconciliare il Pd con la città e per riconciliare il Pd con se stesso, superando sia la prevaricazione che l’autoritarismo. E’ necessario restituire cittadinanza a quella militanza di base che agisce con disinteresse e oggi è stata marginalizzata dalle filiere di potere, accomunate solo dal carrierismo. Obiettivi che si possono perseguire e raggiungere solo con la collegialità e la libertà di pensiero che oggi nel Pd di Siena sono state sospese con metodi autoritari. La modalità di voto per la ratifica del commissario ha reso ulteriormente illegittima la sua nomina  in assenza del parere obbligatorio e collegiale della commissione di garanzia, ed ha confermato la volontà di non affrontare una discussione politica sul futuro del Pd di Siena, per ridurre tutto ad atto burocratico e prevaricatorio. Ciò è dimostrato anche dalla non partecipazione al voto di un numero importante di membri della direzione regionale, un esito che ha certificato l’essenza di atto esclusivo della sola maggioranza. L’attuale commissario va subito revocato in attesa dell’esito del ricorso presentato alla commissione di garanzia regionale e non di meno per il suo carattere di parte che ne inficia la terzietà.

Giulia Mazzarelli, Simone Vigni, Franco Ceccuzzi, Domenico Gioia, Claudio Parigi, Nicola Malvinni, Massimiliano Bruttini, Marco Borgogni, Germana Lorenzoni, Carolina Persi, Gianlcuca Iachini, Gianni Guazzi, Flavio Pasquinuzzi, Alessandro Lepri, Mauro Balani

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI