15.2 C
Siena
lunedì, Settembre 26, 2022
spot_img

Il Palio inserito nel decreto capienze per poter correre nel 2022

- Advertisement -

Un protocollo sulla sicurezza anti Covid per poter effettuare il Palio nel 2022. E’ quanto delibererà il governo che ha accolto l’ordine del giorno presentato dai deputati Pd Susanna Cenni e Luca Sani durante la discussione sul decreto capienze, atto che entra nel merito della partecipazione ad eventi di varia natura. La richiesta era di inserire la festa senese tra le manifestazioni popolari del prossimo anno per i quali, per consentirne l’effettuazione, saranno necessarie misure di sicurezza nel caso continui l’emergenza Covid. “Ci auguriamo non ce ne sia bisogno – ha commentato l’onorevole Cenni -, che gli italiani continuino a vaccinarsi e che si esca da questa situazione. Nel caso però ci dovessero essere ancora rischi per la salute e quindi misure restrittive negli eventi di massa, il protocollo per il Palio potrà stabilire delle regole per l’effettuazione della corsa”.

Quali e quante saranno le disposizioni al momento non è stato stabilito, probabilmente si dovrà attendere il decreto capienze e modularlo con le esigenze paliesche. Sarà opportuno un dialogo tra il governo, il Comune di Siena, in qualità di organizzatore della festa, ed il mondo contradaiolo per stabilire regole che permettano l’effettuazione della festa senza snaturarne il valore storico popolare.

- Advertisement -
Ciaccineria

“Il Palio si svolge all’aperto e questa è una peculiarità positiva – prosegue Cenni – ma sappiamo che richiama migliaia di persone e si possono verificare assembramenti, motivo per cui non si è corso le carriere negli ultimi 2 anni. Con questo odg noi chiediamo al governo un’attenzione tesa a prevedere e concordare con le Contrade ed il Comune un protocollo che consenta di svolgere in sicurezza il Palio nel 2022. Abbiamo sentito la necessità di investire sia il Ministero della Sanità che i comitati tecnici scientifici dell’importanza di questo evento unico al mondo”.

Susanna Cenni, vicepresidente della commissione agricoltura alla Camera, in questi giorni è intervenuta anche sulla questione Consorzio agrario di Siena richiamando l’attenzione sull’importanza che il settore agricolo riveste per la provincia di Siena. “Alla luce delle preoccupazioni espresse anche pubblicamente da lavoratori e agenti nei giorni scorsi, credo che abbiano fatto bene il presidente della Provincia e il sindaco di Siena a convocare un tavolo istituzionale per il Consorzio Agrario. Il destino di questa storica realtà, infatti, va ben oltre la necessità degli agricoltori del nostro territorio di gestire – tramite questa forma di aggregazione – servizi, sementi, macchinari. Il Consorzio è stato ed è uno strumento fondamentale per l’agricoltura senese e oggi, anche tramite i negozi di qualità, si conferma un punto di riferimento per agricoltori, consumatori e turisti a cui garantisce prodotti del territorio e filiere locali costruite negli anni. Qualità, sostenibilità, salubrità, prodotti accessibili, certificazioni chiare che consentono al consumatore di scegliere consapevolmente sono requisiti ormai imprescindibili per l’evoluzione e il maggior valore competitivo delle nostre produzioni alimentari”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI