1.7 C
Siena
sabato, Gennaio 28, 2023

Cittadini e volontari in campo per migliorare la sanità

- Advertisement -

“Il coinvolgimento dei cittadini e del volontariato nel miglioramento dei servizi sanitari” è il tema discusso dall’Agorà della Salute che si è svolta al polo universitario San Niccolò di Siena, organizzata nell’ambito del XV Festival della Salute e in collaborazione con il comitato di partecipazione dei cittadini AUO Senese.

Per Dafne Rossi, Coordinatrice del Comitato Partecipazione AOUS Senese, membro Consiglio Cittadini per la salute ha voluto sottolineare come “la giornata senese sia importante, questo tema esprime già quanto l’azione del volontariato sia significativa per il sistema sanitario”.

- Advertisement -

Proprio delle difficoltà del sistema sanitario, anche in rapporto al volontariato, ne ha parlato l’assessore regionale alla Salute, Simone Bezzini: “Come Regione Toscana abbiamo cercato di venire incontro alle esigenze del mondo del volontariato e del terzo settore, soprattutto per far affluire un po’ di risorse al trasporto sanitario. Ma è significativo che nell’ambito dei ristori messi in campo dal Governo centrale, non siamo riusciti a far mettere un solo centesimo per il carburante consumato dalle ambulanze”.

Bezzini ha poi annunciato che la riforma del sistema di emergenza-urgenza territoriale all’interno di schema quadro, “dovrà essere fatta previo passaggio con il mondo dell’associazionismo e del volontariato”.

Le difficoltà del mondo del volontario nell’ambito dei trasporti sanitari sono state confermate ed evidenziate anche da Fabio Lusini, Direttore Tecnico Siena Soccorso, Coordinatore Provinciale Misericordie Siena.

Anche Andrea Nuti, Responsabile Coordinamento provinciale Anpas, Zona senese, ha fatto notare come “Il costo del servizio può diventare una variabile discriminante per molte persone. Dobbiamo trovare un accordo quadro che risolva questa situazione”.

Francesca Appolloni, Assessore alla salute Comune di Siena, ha voluto caratterizzare il ruolo del Comune nel comunicare le ricadute delle scelte fatte in ambito sanitario, con il sindaco che è referente primo dei cittadini. L’assessore Appolloni ha poi rivendicato il lavoro di co-progettazione fatto con le associazioni del volontariato, in ambito sociale.

Antonio D’Urso, Direttore Generale AUSL Toscana Sud Est, ha approfittato dall’Agorà della Salute per fare il punto sulle opere previste a Siena nell’ambito dei fondi assegnati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. “Fino a questo momento siamo in linea con le previsioni per cui contiamo di concludere le opere entro il 2025-2026”. In particolare D’Urso ha ricordato che entro questa data Siena avrà 30 nuovi posti letto per le cure intermedie e 10 posti letto per il reparto hospice, specializzato per la terapia del dolore e dei pazienti terminali.

Roberto Monaco, segretario nazionale e presidente dell’Ordine dei Medici di Siena, ha introdotto il tema della modifica del codice deontologico, alla luce delle novità introdotte nella professione dallo sviluppo dell’intelligenza artificiale. “Ma il ruolo del medico – ha detto  Monaco – deve andare oltre il fenomeno della iper-professionalità, riscoprendo il ruolo sociale del medico, che deve avere cura anche della salvaguardia della dignità del malato”.

Ivana Cannoni, coordinatrice del Comitato di Partecipazione ASL Sud Est, e membro Consigli dei Cittadini per la Salute, ha illustrato il lavoro svolto da questi organismi, soffermandosi soprattutto sul lavoro di informazione fatto nei confronti dei cittadini in vista dell’introduzione numero telefonico 116117, ovvero il numero unico europeo per l’accesso alle cure mediche non urgenti e ad altri servizi sanitari territoriali a bassa intensità/priorità di cura. Si tratta uno strumento di comunicazione rivolto a tutti i cittadini senza alcuno obbligo di registrazione preventiva.

Il numero garantisce nelle 24 ore la possibilità di ricevere, senza soluzione di continuità, risposte a tutte le chiamate di cure mediche non urgenti. Inoltre funziona da raccordo con il servizio di continuità assistenziale e di emergenza urgenza.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI