21.4 C
Siena
venerdì, Maggio 24, 2024

Festival, quando vecchi e bimbi hanno bisogno

Società della Salute segue il percorso affidamento ed adozioni. Ma aiuta le famiglie a gestire la piaga crescente della demenza

Un tema affidamento ed adozioni è importante. E’ legato principalmente ad aspetti sociali, dei quali si tende a parlare sempre troppo poco, o forse soltanto al momento del bisogno.

In diretta su Canale 3 Toscana Franz Campi, autore televisivo e conduttore del Festival della Salute, ne ha parlato con alcuni esperti senesi, tra cui Simona Viani, assistente sociale e responsabile area minori SdS “Affidamento ed Adozioni”.

- Advertisement -

“Adozione ed affidamento presuppongono due percorsi molto diversi – esordisce la dottoressa Viani – perché nell’adozione c’è il desiderio delle famiglie che desiderano diventare genitori, mentre nell’affidamento ci si mette a disposizione, ma non c è lo stesso desiderio di diventare genitori”.

Importante la formazione delle persone che saranno chiamate a prendere in affidamento, ai quali vengono richiesti requisiti specifici. L’adozione è per la vita, mentre l’affidamento può essere anche solo temporaneo.

“La Società della Salute è poco conosciuta – ammette il dottor Lorenzo Brenci, coordinatore amministrativo SdS – proprio per questo abbiamo bisogno di far sapere cosa facciamo. La nostra mission è quella di rispondere alle esigenze della popolazione che ha bisogno. Abbiamo centri per disabili autosufficienti e non autosufficienti e cerchiamo di farci trovare pronti a far fronte alle esigenze più svariate”.

Una delle patologie che colpisce sempre più persone e purtroppo anche sempre più in età non così avanzata è la demenza o il Morbo di Alzheimer. “Al nostro interno abbiamo strutture che accolgono persone affette da queste malattie – afferma la dottoressa Fabiana Bani, assistente sociale SdS “Il Museo Alzheimer” – ma cerchiamo di garantire anche assistenza domiciliare a chi non necessita di ricovero con un pool di specializzati che aiutano i pazienti e le famiglie ad affrontare questa malattia. Si tratta di servizi assistenziali fondamentali, come il Museo dell’Alzheimer, utilissimo per proporre percorsi ed esperienze ai pazienti da far vivere tutti insieme”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI