14.1 C
Siena
domenica, Ottobre 2, 2022
spot_img

Wembley, e siamo in pari con tutti

- Advertisement -

Una partita iniziata male. Un gol al secondo minuto può uccidere le migliori intenzioni, invece da lì in poi è l’intera prestazione a Wembley è stata interpretata con la voglia di vincere. E infine, è stata vinta. Ai rigori. Che nulla tolgono alla dolcezza del successo. Non è male.

Di colpo la vittoria della Nazionale italiana di calcio sulla squadra dei ”leoni” inglesi e l’aggiudicazione del trofeo europeo sono divenute il simbolo della voglia di un popolo di credere in se stesso e nelle proprie possibilità. E anche un’occasione per farsi invidiare dai diversi popoli europei.

- Advertisement -
Ciaccineria

Strano ma vero, essere campioni d’Europa ha messo in circolo una carica insperata: come se ci fossimo caricati, noi italiani la responsabilità di dimostrare che l’Europa vince, la Brexit invece non paga. Qualcosa di nuovo del vecchio “Albione rapace”.

Vedremo quanto e dove ci servirà questa scarica di vitalità e adrenalina. Se ci aiuterà a riconquistare un’identità utile alla ripresa del Paese e al funzionamento del Pnrr.

Forse, qualche carosello di troppo, qualche strappo al distanziamento che – con la ripresa dei contagi -ancora dobbiamo mantenere. Sì ci sono stati… Auguriamoci senza conseguenze.

Comunque il Paese ne aveva bisogno, i giocatori e la squadra tutta il successo se lo sono meritatamente conquistato. Nessuno ci ha regalato nulla. Questa volta siamo in pari con tutti.

(immagine tratta dalla pagina Fb Il Coniglio che Ride)

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI