14.1 C
Siena
domenica, Ottobre 2, 2022
spot_img

Palio dell’Assunta: presentato il cencio di Anastasio

- Advertisement -

È stato accolto con un’ovazione il drappellone di Andrea Anastasio, realizzato per il Palio dell’Assunta del prossimo 16 agosto e presentato questo pomeriggio nel Cortile del Podestà.

Un cencio che riassume la storia artistica dell’autore, che da sempre sperimenta e agisce in mondi diversi: pratica artistica, industrial design, moda, architettura, portando avanti un antico lignaggio che dal Rinascimento arriva a noi, passando per autori del Novecento.

- Advertisement -
Ciaccineria

Dalle parole di Davide Quadrio, che ha presentato il drappellone, Anastasio “performa il drappellone non lo disegna”. Realizza un mix tra ricerca ed innovazione attraverso la tecnica della stampa digitale su sequins ed il ricamo manuale.

L’opera di Anastasi unisce la tradizione senese al genio dell’artista in un drappellone reso “vivo” da un delicato movimento di migliaia di paillettes cucite sul lato frontale in chiffon di seta. Rose rosse e gigli, simboli rispettivamente della Madonna e di S. Caterina da Siena, avvolgono il volto della Vergine che ha i tratti della Madonna di Tiziano.

Il Drappellone di Andrea Anastasio

Il drappellone di Anastasi unisce passato e futuro e omaggia lo spirito che anima Siena, da sempre legata alla sua storia, ma capace di riviverla e di proiettarla sempre in avanti.

“L’ombra del retro si rivela nella luce”, passando dalla contemplazione statica del retro all’esplosione nello spazio catturando la luce attraverso i suoi lustrini.

Il Drappellone di Andrea Anastasio (retro)

Citando le parole di Quadrio, “È come se in quei fremiti dei cavalli, tra le lacrime di gioia per la vittoria o di sofferenza per la sconfitta, in quei tre giri rituali che portano a solo un campione si esaurisce la tradizione, la si sublima diventando momento assoluto in cui l’umano attraverso il veicolo fattosi animale raggiunge, stupito, il divino”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI