19.3 C
Siena
sabato, Ottobre 1, 2022
spot_img

Un concorso fotografico sul Vetro artistico e il Valdarno

- Advertisement -

Il Valdarno, il Vetro artistico, la sua Fabbrica. È il tema del concorso fotografico che è stato indetto a San Giovanni Valdarno ed i cui particolari saranno presto dettagliati. E’ aperto a fotografi amatori e professionisti, senza limiti di nazionalità e residenza, che abbiano raggiunto la maggiore età, che testimonino la diretta paternità dell’opera e che presentino foto il cui ritocco digitale sarà minimo; saranno concesse lievi correzioni di colore, contrasto, esposizione o la rimozione di piccoli dettagli non significativi di disturbo alla fotografia, non saranno ammessi fotomontaggi, combo o ritratti in cui il soggetto esposto non abbia prestato autorizzazione. Ai vincitori andranno prodotti artistici di ragguardevole valore dell’IVV, la partecipazione a mostre e l’inclusione in pubblicazioni.

Ad organizzarlo sono l’Associazione Vetrai Valdarnesi e Amici del Vetro unitamente al Fotoclub Il Palazzaccio; il Comune di San Giovanni Valdarno ha già espresso il suo convinto patrocinio e tanto il sindaco Valentina Vadi che l’Assessore alla Cultura Fabio Franchi comporranno la giuria di cinque membri; a loro si affiancheranno il Ceo di Promotica Spa Diego Toscani, il direttore Commerciale e Marketing di IVV Alessio Petrelli e un fotografo il cui nome deve essere ancora designato.

- Advertisement -
Ciaccineria

Le opere in concorso dovranno essere consegnate per la valutazione entro il 30 giugno 2022, pena l’esclusione, e prossimamente l’IVV renderà noti i giorni e gli orari in cui sarà concesso ai richiedenti di avere libero accesso ai locali di produzione per ritrarre le varie fasi della lavorazione del vetro.

Mario Lanini, una vita di lavoro all’Enel che ora ha lasciato spazio alla passione per i reportage di viaggio, prossimo alla partenza per la Namibia, “canonista”. E’ il vicepresidente del Fotoclub Il Palazzaccio, istituito da appassionati della fotografia il 30 ottobre 1989. L’associazione, presieduta da Sofia Bandini, è senza scopo di lucro e ha come scopo la promozione della cultura fotografica. Se si visita il sito – https://www.fotoclubpalazzaccio.it/cms/ – l’impressione è di una realtà organizzata, con pochi fronzoli e molta vita vissuta a contatto con il territorio.

Ce lo conferma lo stesso Lanini: “gli organizzatori di questo e degli altri eventi che presto celebreranno il 70simo anno di IVV e l’Anno internazionale del vetro ci hanno contattato fra i primi. Abbiamo frequente occasione di collaborare tanto con l’Amministrazione comunale che con la Pro Loco e così è stato abbastanza naturale mettersi a disposizione. Noi siamo a sostegno di qualunque iniziativa che arricchisca il panorama culturale del nostro territorio grazie all’amore per la fotografia e alla convinzione che l’immagine fotografica abbia il potere non solo di conservare, ma anche di ampliare di visioni nuove nel nostro immaginario”.

Valuta che questo concorso sarà vissuto con interesse e partecipazione dai fotografi sangiovannesi?

“Credo che avrà un buon successo di partecipazione. Intanto si rivolge in primis non solo agli appassionati di fotografia, ma a tutti gli abitanti del nostro territorio. Nelle nostre zone la passione per la fotografia è abbastanza sentita: ci sono fotoclub anche a Figline, Cavriglia e in altri centri del Valdarno. Insomma, il bacino degli appassionati è ampio. Offre inoltre la possibilità di un’esplorazione attenta di un luogo di produzione che è cosa abbastanza rara da ottenere e in più – indipendentemente dall’importanza dei premi – la competizione aggiunge sempre un po’ di gusto”.

Come si è articolato finora il vostro sostegno e cosa prevede in futuro?

“Oltre aderire, abbiamo redatto buona parte del bando, elencando le molte regole e autorizzazioni necessarie per garantire l’espletamento del concorso che con l’entrata delle norme in materia di riservatezza deve garantire tanto gli autori, che gli organizzatori, che i soggetti ritratti. Di seguito abbiamo condiviso con l’AVV, l’associazione Vetrai, i nostri archivi, accettando il loro invito che presto sarà reso pubblico, di raccogliere la memoria del Vetro in Valdarno. Con alcune di queste immagini daremo vita in giugno a una mostra sulla tradizione vetraria valdarnese alla casa della cultura sangiovannese, la Biblioteca Palomar. E poi, naturalmente, molti dei nostri appartenenti vorranno cimentarsi nel concorso”.

Ci dica di più sul Fotoclub Il Palazzaccio…

“Siamo veri appassionati di fotografia e in trent’anni di attività siamo cresciuti. L’intento iniziale è stato quello di fare della fotografia uno strumento di analisi volto soprattutto al territorio in cui lo stesso Fotoclub è sorto. Numerose sono state le iniziative a cura dei soci che si sono articolate in esposizioni, in partecipazioni alla stesura di libri e vari laboratori di didattica e aggiornamento. Tra le mostre quelle che ricordiamo con maggior orgoglio sono “Visioni3 – Il Territorio” del 2003, “Platform1” del 2004, “Visioni4 – La Memoria” ancora del 2004. “Io Ci Sono Nato” del 2008 e quella dalla quale abbiamo maggiormente attinto per illustrare il vetro che è stata “Operaia, ma con classe” nel 2009”.

“E per chiudere – dice Lanini – vorrei ricordare una coraggiosa idea del Fotoclub che riguarda la promozione dell’evento fotografico “Obiettivo Masaccio”, in cui l’associazione si è impegnata a creare un’occasione di condivisione attraverso il linguaggio fotografico su tematiche differenti e dall’elevato valore storico, sociale e culturale, grazie all’allestimento di mostre di vari autori di livello nazionale e internazionale”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI