6.5 C
Siena
mercoledì, Aprile 24, 2024

Note di Siena fa uno spot al basket

Vinta la nona di fila dai mensanini contro il temibile Don Bosco Livorno 89-51

Note di Siena Mens Sana BasketBall Siena – Toscana Food Don Bosco Livorno 89-51 (20-7, 45-23, 61-35)

NOTE DI SIENA: Brambilla n.e., Pannini 10, Iozzi 12, Giorgi 9, Marrucci 9, Figus 2, Puccioni 20, Sabia 10, Cucini n.e., Prosek 17, Tognazzi n.e. All.: Paolo Betti

- Advertisement -

TOSCANA FOOD: Ciano 7, Bandini 7, Baroni 2, Tartamella 7, Idone, Giachetti 5, Regoli 7, Spinelli 2, Crocetta 4, Deri 2, Di Sacco 8, Balestri. All.: Francesco Barilla

Avevamo deciso che l’immagine migliore sarebbe stata quella del terrazzino e del lato poltroncine in uso della Polisportiva occupati dai cittini delle contrade, poi… a metà tempo ce ne è stata una che ci è piaciuta di più…

A intervallo concluso le squadre rientrano per i tiri di riscaldamento e trovano il parquet pieno come non mai di ragazzini sgambettanti poco propinqui a lasciar loro i palloni di allenamento. Quasi un’ambientazione di Jonathan Swift con qualche Gulliver fra innumerevoli lillipuziani. Non crediamo che questo abbia recato nocumento alcuno alla partita, quindi speriamo che i signori in grigio non multino la Società per questo vero e proprio spot al basket. Prima cosa da ricordarsi è che tutti apparteniamo a un movimento sportivo che senza raggiungere i più giovani… muore.

E per concludere sull’argomento… Un grazie alle Contrade per aver ben interpretato l’invito della Note di Siena Mens Sana – e dell’Associazione Io Tifo Mens Sana -; gli ospiti sono stati circa duecento “minorenni” e un centinaio fra familiari e accompagnatori. Una bella cifra, a sottolineare l’elemento simbolico del rapporto particolare che la Mens Sana ha sempre avuto con la città e le contrade, quindi occhio: Mens Sana is Back.

Davanti a un pubblico che ha sfiorato ancora le mille unità, una bella prestazione agonistica che si conclude con un risultato reboante (+38) che fa dimenticare la partita di andata che aggettivammo in una maniera che qui… non stiamo a ripetere. Unica somiglianza fra i due incontri è che anche allora venne osservato un minuto di raccoglimento prima di giocare: a Livorno per la scomparsa di Ezio Cardaioli, a Siena per l’incredibile tragedia del cantiere fiorentino.

Non conosciamo bene le rotazioni di coach Barilla, ma ci sembra che il Don Bosco di ieri pomeriggio era formato da giovani anche ben messi nel settore lunghi e comunque tutti pronti a giocare la partita. Contro di loro una Note di Siena che, pur se priva di stress, ha sfoggiato una condizione mentale agguerrita che ha fatto pesare agli avversari. Sicuramente una soddisfacente prova della fase difensiva; nel primo quarto – quando matura il primo vantaggio a due cifre – viene praticamente precluso ai labronici l’avvicinamento a canestro e loro finiscono per chiudere il periodo con un disastroso 2 su 13 (15,4%) da sotto.

Sulla sponda mensanina – che rinunciava a Brambilla, Cucini e Tognazzi – Pannini e Prosek trovano per primi la via del canestro, e poi tutti li imitano nel corso della gara. Alla fine ci saranno cinque biancoverdi in doppia cifra, altri due che quasi ci arrivano e… Figus che non stava nella pelle per il primo canestro fatto al PalaEstra (i primi tre punti li aveva segnati al PalaCorsoni).

I motivi di soddisfazione. La Mens Sana che chiude a 34p – unica a raggiungerla nei due gironi – con 9 vittorie consecutive. Il pubblico numericamente presente a Palazzo. L’atmosfera euforica. Il fatto che Puccioni sia tornato a essere il capocannoniere della partita. I 23 minuti giocati da Giorgi, partito nello starting five, e gli oltre sedici nei quali Figus è stato in campo. La prova della difesa nel primo tempo. La ricerca di combinazioni smarcanti in attacco (18 assist contro 5). La pressione nervosa che i biancoverdi caricano sull’avversaria.

La partita quindi, al di là dello scarto, è stata giocata e onorata con mischie sottocanestro e giocatori che si buttavano per terra alla ricerca di una contesa anche nel quarto periodo. Viva tutti. L’avventura continua…

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI